5 cose da sapere sui capezzoli

Lo sapevate? Tutti i seni sono forniti di capezzoli, deliziose sporgenze. Per molti di noi (anche maschi), sono in realtà ciò che vengono chiamate zone erogene secondarie (soprattutto per le donne): il che significa che se li stimolate sono in grado di inviare sensazioni piacevoli fino ai genitali. Ecco cinque cose da sapere sui capezzoli, quei meravigliosi cerchietti con una punta in mezzo.

ahI tuoi capezzoli sono perfetti

Non esistono due capezzoli uguali. Ciò significa che i capezzoli sul tuo corpo non possono essere speculari l’uno all’altro. E’ normale, anche se qualcuno si stupisce vedendoli diversi uno dall’altro. L’anello esterno più grande è la vostra areola,  la zona circolare altamente pigmentata che circonda il capezzolo, di colore differente dal resto della mammella. In alcune donne, l’areola è rosa chiaro. Per altre, può essere più scuro e vanno dal rosso al marrone. In qualche caso, l’areola diventa più scura se si è eccitate sessualmente. Non a caso, in alcune culture primitive, le donne dipingono i capezzoli, li scuriscono, nella speranza di accendere la passione dei loro compagni. All’interno dell’areola ci possono essere piccoli dossi: sono il prodotto delle vostre ghiandole di Montgomery. Queste ghiandole producono una specie di grasso protettivo, bianco, lubrificante, oleoso per la pelle. Anche questo è normale. Non spremere quei piccoli urti: sono lì per un motivo e grattandoli si può causare un’infezione. In alcune donne possono crescere dei peli intorno ai capezzoli e, talvolta, si formano addirittura peli scuri che sembrano piccole ciglia sul bordo esterno dell’areola. Non allarmarti: questi piccoli peli sono la prova che tu sei normale.

Fari accesi

I capezzoli in erezione attirano sempre la nostra attenzione (che fa pure rima), anche se è un equivoco pensare che i capezzoli eretti indichino che una donna è sessualmente eccitaao. (In altre parole, solo perché lei ha i capezzoli eretti non significa che ha voglia di fare sesso!). I capezzoli diventano eretti per molti motivi, alcuni dei quali non sono di natura sessuale: ad esempio col freddo, o a causa dello sfregamento dei vestiti.

I capezzoli introflessi

ah2Sono molto più comuni di quel che si crede. Circa il 2 per cento delle  donne li hanno. Tale fenomeno è causato da condotte portanti il latte più corte del solito. Così il capezzolo può essere piatto o addirittura dirigersi verso l’interno  piuttosto che proiettarsi al di fuori. I capezzoli introflessi non costituiscono alcun rischio per la salute, anche se possono essere un ostacolo per le neo mamme nell’allattamento al seno. Chi volesse comunque correggere questa caratteristica ha diverse opzioni: trattamenti chirurgici e non chirurgici, più o meno invasivi.  Il modo più semplice per verificare se i tuoi capezzoli sono retratti è quello di pizzicarne delicatamente  uno, intorno ai bordi della areola. Se il capezzolo sporge, non è invertito.

Grandi seni con capezzoli sporgenti? Solo per gli esseri umani!

Le femmine umane sono gli unici mammiferi che sviluppano seni e capezzoli che restano pieni e prominenti anche quando non sono in fase di allattamento. Ogni altro mammifero sperimenta questo sviluppo evidente solo durante la gravidanza e l’allattamento. Gli scienziati ipotizzano che i seni pieni della femmina umana e i capezzoli eretti siano legati allo sviluppo evolutivo come specie. Per gli altri mammiferi, grandi seni sono un segno evidente che la femmina è in lattazione e non in ovulazione, ed è quindi disponibile alla procreazione. Le donne invece hanno sviluppato modi di mascherare quando sono o non sono fertili per confondere i compagni maschi e sembrare comunque sessualmente desiderabili, anche quando l’ovulazione non è in corso. Del resto, siamo una delle poche specie che fa sesso solo per divertimento!

ah3Quei capezzoli in più

Ogni tanto, vi imbatterete in qualcuno con un capezzolo in più – non è così raro! Questi capezzoli “soprannumerari” (molto piccoli, spesso quasi invisibili) sono comuni in molte specie, tra cui primati, roditori e ruminanti. I ragazzi hanno “il terzo capezzolo” più spesso rispetto alle femmine: 1 maschio su 18 e circa una femmina su 50 femmine hanno capezzoli extra. In rarissimi casi, si hanno cinque o sei capezzoli. Beh, nel caso ne abbiate più di due: prendetela nel modo giusto, avete molte più zone erogene da farvi toccare!