Come fare l’amore davanti a una telecamera

TECNOLOGIA MODERNA  E SESSUALITA’

La moderna tecnologia ci offre straordinari strumenti per dare corpo a tutte le nostre fantasie voyeuristiche. Tutti ormai possiedono smartphone con ottime telecamere, macchine fotografiche digitali o videocamere vere e proprie. Perché non approfittarne dunque, utilizzandole per realizzare filmini erotici casalinghi da vedere e rivedere col proprio partner? Sarà un modo piacevole e divertente, oltre che naturalmente molto eccitante, per dare continuità alle proprie prestazioni sessuali che potremo commentare e discutere insieme. E magari, presi dal desiderio, riprendere davanti allo schermo, proprio dal punto in cui le avevamo lasciate. Come sa bene qualunque psicologo, generalmente è il maschio il primo a proporre questo genere di giochi erotici. Può accadere che la partner si dimostri inizialmente restia e imbarazzata davanti a questo genere di proposte. Si tratta di un piccolo tabù culturale che va superato.

I CONSIGLI DI ROCCO SIFFREDI

amore telecamera videocameraDei buoni consigli in tal senso arrivano dal pornoattore Rocco Siffredi – uno che di telecamere e sesso se ne intende parecchio – che nella sua autobiografia “Io, Rocco”, scrive:

“Dopo tanti anni ho imparato a riconoscere immediatamente la natura di una donna, e che, talvolta, l’abito può fare il monaco! Ho avuto a che fare con ragazze che non erano mai state davanti a una telecamera e perciò erano intimidite: è bastato truccarle e metterle davanti a uno specchio, con un abito che esaltava il loro corpo, insomma trasformare il loro look, e immediatamente tutte le loro inibizioni sono saltate. E posso assicurarvi che ciò funziona anche nella vita privata. Per esempio, provate a vestire la vostra donna con accessori fetish, regalatele scarpe alla Betty Page, e vedrete che trasformazione! Vi chiederà quello che non vi ha mai chiesto prima e, al tempo stesso, la metamorfosi le darà il coraggio di farlo”.

Capito il trucco? Regalate alla vostra compagna un bel completino intimo molto molto sexy, un vestitino di quelli da urlo, magari un paio di scarpe tacco 12 che la faranno sentire una sexy dominatrice e poi, una volta abbigliata da sexy star, sarà talmente eccitata da sottoporsi volentieri a ogni vostra fantasia registica.

C’E’ QUALCOSA DI MALE A ESSERE UN PO’ GUARDONI?

Ma il voyeurismo, cioè il piacere dato dall’osservare qualcuno che si spoglia o fa l’amore è una pratica “sbagliata”, insana, innaturale? Come tutte le cose, se diventa ossessivo, non va bene, ma la maggior parte delle persone di questo mondo non ha questo problema. E dei voyeur lo siamo un po’ tutti. Il termine voyeurismo infatti comprende ogni attività mirata all’eccitazione sessuale mirante l’osservazione di corpi, nudi o seminudi. Si tratterebbe quindi, in questo caso, di una “attività” svolta quotidianamente dalla quasi totalità degli esseri umani. Come tutte le cose quindi, utilizzare la telecamera per dare sfogo ai propri desideri sessuali legati al piacere dell’occhio, è una pratica sana e particolarmente eccitante per la coppia se svolta con la dovuta moderazione. E soprattutto, col consenso di entrambi.

E ora via al primo ciak: si gira!

    1. GuidoXXX
    2. JS
    3. Mary

    Aggiungi un commento