Come fare sesso in gravidanza

Il sesso in gravidanza è uno dei tabù più diffusi nella nostra società, la coppia viene infatti pervasa da mille dubbi e paure durante questa particolare fase della vita. Grazie a questo articolo cercheremo di sfatare insieme quelli che sono i falsi miti che avvolgono la pratica del sesso in gravidanza.

Come sfatare i tabù sul sesso in gravidanza

Il problema generale che inibisce la coppia è quello di poter danneggiare il bambino durante il rapporto, ma gli esperti spiegano che in assenza di particolari condizioni, questo non è possibile.

Infatti il bimbo è ben avvolto dal sacco amniotico, non sente nessun movimento e anzi beneficia della sensazione di benessere della madre, raggiunta con lʼorgasmo.

Il cambiamento fisico è ciò che maggiormente preoccupa la donna, soprattutto a livello psicologico, in realtà diverse ricerche hanno dimostrato che lʼuomo è attratto ed eccitato da una donna incinta.

Infatti il seno è più prospero, le curve dei fianchi si fanno più morbide, i capelli più lucenti e si ha una vitalità differente che rende la donna più bella e desiderabile. Avere un rapporto sessuale con una donna in attesa porta lʼuomo ad essere più voglioso poiché va incontro ad un atto quasi proibito e trasgressivo.

Durante la gravidanza la penetrazione è più facile in quanto i genitali sono maggiormente lubrificati e lo sperma, soprattutto nella fase finale, può facilitare il travaglio. Gli esperti aggiungono che fare sesso in gravidanza apporta dei benefici ai muscoli pelvici e alla vescica.

Il kamasutra della gravidanza

Il kamasutra della gravidanza deve comprendere posizioni comode e facili nelle quali la donna può avere più controllo della penetrazione, soprattutto nei mesi finali.

Questo periodo può essere unʼoccasione per sperimentare posizioni del sesso che non avevate mai provato prima.
Durante i primi mesi sono consigliate le posizioni classiche un poʼ rivisitate, in una versione soft e delicata, ma in seguito è meglio cambiare.

La posizione del missionario nei primi mesi può essere praticata in maniera semplice, però dopo il quinto mese è meglio non appoggiare tutto il peso sul ventre della donna.

Meglio a questo punto provare la posizione dellʼaratro, mettendosi sul bordo del letto, del tavolo o della scrivania mentre lui è in piedi e regge le gambe della compagna.

Dopo il primo trimestre il desiderio inizia ad aumentare e la donna è più sensibile e vogliosa, poiché aumenta il flusso sanguigno della zona genitale. Per questo periodo la più consigliata è la posizione del cucchiaio, grazie alla quale il peso della pancia non è dʼingombro poiché entrambi sono sdraiati sul fianco.

Questa posizione può essere molto rilassante, il sesso dura generalmente di più perché il pene esce facilmente. La posizione di Andromaca, nella quale la donna è seduta sul bacino dellʼuomo, è indicata poiché la donna può dettare il ritmo e stimolare la fantasia dellʼuomo con la visione delle sue grazie. Se si vuole allontanare lʼattenzione dal pancione, si può assumere la stessa posizione ma dando le spalle al partner.

Quando le dimensioni del pancione si fanno più consistenti, la posizione ideale per la donna è quella carponi sul letto o in ginocchio, con lʼuomo dietro anchʼesso in ginocchio, che grazie a questa posizione sarà in grado di stimolare maggiormente il punto G.

Fare sesso in gravidanza è molto importante per lʼequilibrio della coppia e per lʼintimità futura. Qualora ci fossero delle complicazioni nella gravidanza è sempre meglio consultare il proprio ginecologo, in quanto è consigliato astenersi dai rapporti sessuali nei casi di minaccia dʼaborto o precedenti aborti spontanei, se è possibile un distacco della placenta o se si hanno avuto perdite di sangue o liquido.

Se invece non sono sorti problemi fisici non preoccupatevi, con le dovute preoccupazioni il sesso rimarrà un punto fermo della vostra relazione con le giuste dosi di fantasia ed erotismo.