James Franco si dà al sadomaso

franco2Il grande attore americano James Franco è il produttore del documentario porno che sta facendo discutere l’America. “Kink” (traduzione: Pervertito) racconta la vita all’interno del sito di BDSM più famoso del mondo kink.com che ha sede a San Francisco. Nella sede di Kink non ci sono solo i tanti uffici dai quali viene gestito il sito, ma anche 50 set cinematografici dove vengono girati gli incredibili video sadomaso che si possono vedere su kink.com. A fondarla è stato Brit Peter Acworth, un businessman a sua volta appassionato di fetish, bondage e sadomasochismo. “Sono sempre stato un pervertito – ammette Acworth nel documentario – e ho creato kink proprio per rendere più facile alle persone scoprire la propria sessualità e viverla in santa pace”. Oltre al fondatore, dentro Kink.com lavorano altri 130 impiegati che condividono le stesse passioni del capo. 

“Ho avuto modo di girare dentro gli studi di kink – racconta il bel James Franco – e sono rimasto molto colpito da come ciò che vedevo davanti alla telecamera fosse molto diverso da quello che accadeva dietro. Stavano girando un scena di BSDM con una ragazza chiusa in una gabbia. Una scena molto forte e intensa. In realtà, dietro la telecamera l’ambiente era molto familiare, cooperativo e tranquillo. Un bel contrasto che mi ha colpito. Mi è venuta voglia di esplorare questo contrasto, e penso che altri vorrebbero farlo. Per questo ho deciso di produrre il documentario diretto da Christina Voros che verrà presentato al Sundance Film Festival”.

Il documentario di Franco sarà sicuramente aiutato dall’uscita del film “50 sfumature di grigio“, nei cinema italiani dal 12 febbraio 2015.

Ecco il trailer del documentario prodotto da James Franco.