Perché sono ancora vergine?

Se ne parla poco, forse perché i diretti interessati (e interessate) sono i primi a non volerne parlare, ma ci sono tanti giovani e ormai non più giovani che si fanno questa domanda: perché sono ancora vergine? Di solito senza trovare una risposta chiara o, peggio, iniziando a pensare che la colpa è solo loro. Partiamo da alcune ovvietà:

  • E’ vero che l’età della prima volta si è notevolmente abbassata e oscilla tra i 15 e i 16 anni secondo le medie, ma si tratta sempre di medie, il che vuol dire che ci sono tante persone fuori da questa fascia. Dunque, anche se avete passato i 20 anni o i 30, non siete soli, non siete strani!
  • Non è colpa vostra, non avete niente di “sbagliato”. Ma non è colpa nemmeno degli altri o della società. E’ proprio sbagliato ragionare in termini di “colpa”. Certe cose succedono in un momento, oppure non succedono. E non è colpa di nessuno. Tutto qui. Ma il momento arriverà anche per voi.
  • Non ascoltate nemmeno chi vi dice che la verginità oggi è un valore da conservare o altri discorsi di questo genere. Vi vuole solo rassicurare dicendovi delle banalità.
  • Non siete alieni. Molti sono portati a pensare che un ragazzo o una ragazza vergine lo siano perché di brutto aspetto, ma in realtà non è quasi mai così. Spesso si tratta di bei ragazzi e belle ragazze.
  • Non è solo una questione di sesso: nella maggior parte dei casi essere vergini vuol dire anche non avere mai avuto un rapporto sentimentale. Al vostro corpo manca sicuramente il sesso, ma al vostro cuore mancano i sentimenti, sapere di essere amati, di piacere a qualcuno o qualcuna. Non concentratevi solo sul sesso.
  • Il mondo non finisce domani. Ovvero: non rassegnatevi. La maggior parte dei vergini si comporta in questo modo: si sente in colpa, con il passare del tempo pensa di essere la causa della sua verginità, in seguito si rassegna e pensa cose come “non avrò mai una ragazza (o un ragazzo), è inutile tentare, basta”. Errore.Vediamo perché e cosa si può fare.

L’atteggiamento giusto non esiste, ma quello sbagliato sì.

coppia-giovaneAd esempio: superata una certa età ci sono i ragazzi e le ragazze che si rassegnano, oppure quelli che – presi dalla frenesia, sentendosi in ritardo rispetto ad amici e amiche – di colpo iniziano a pensare solo al sesso, a provarci con tutti e tutte, ad assumere insomma un atteggiamento che allontana le persone.

Dovete invece comportarvi normalmente: né eccessivamente timidi e introversi, né il contrario. Non iniziate ad entrare nei locali fingendovi dei playboy che non siete, o delle esperte vamp se siete delle ragazze. Cercate di restare voi stessi, più o meno. Diciamo una versione un po’ più sicura di voi stessi.

Infatti una caratteristica delle persone vergini (parliamo sempre di quelle che hanno superato i 20 anni) è una totale mancanza di sicurezza che peggiora con il passare del tempo, quando si passa nella fase “rassegnazione”.

Dunque, per tornare alla domanda “perché sono ancora vergine?”, vediamo invece di andare oltre e rispondere a questa domanda: “cosa posso fare?”. Ad esempio:

  • Aumentate le probabilità: uscite di più, conoscete più persone, partecipate a corsi, eventi culturali o sportivi, utilizzate i social network e i siti di incontri per single o provate a fare nuove amicizie anche con sconosciuti o delle sconosciute. Un tempo conoscere persone fuori dalla cerchia dei propri amici era difficile, ma ora c’è Internet: approfittatene!
  • Non siate eccessivamente selettivi: un classico atteggiamento delle persone vergini è di essere iper-selettivi. Quello non va bene, quella non va bene per me, aspetto la persona perfetta. Ok, l’aspettiamo tutti, ma nel frattempo possiamo anche accontentarci di qualcosa che non corrisponde al nostro ideale, no? Se non altro per fare esperienza!
  • Se soffrite particolarmente la mancanza fisica della vita sessuale e sentimentale, potreste rivolgervi a una professionista, una escort. Non vedetela come una sconfitta, non è così. Anzi. Molti psicologi e psichiatri, interessati più al benessere del paziente che a certi moralismi ipocriti che pervadono la nostra società, consigliano di liberarsi in questo modo di certi tabù. Può essere quel primo piccolo gradino che ora vi sembra insormontabile come l’Everest, ma che può aiutarvi a “sbloccarvi”, a cambiare la situazione, ad acquisire maggiore fiducia in voi stessi. Ricordate che in Italia, nella maggior parte dei casi, la prostituzione non è reato.
  • Se la situazione e la vostra eccessiva timidezza arrivano a influenzare negativamente diversi ambiti della vostra vita, pensate anche di rivolgervi a uno psicologo o una psicologa. Non c’è nulla di male. La verginità non è assolutamente una malattia: è solo una situazione temporanea, ma parlarne con qualcuno che può capirvi non può che farvi bene.

 

    1. Fede
    2. Misentomoltosolo
      • Fede
    3. Misentomoltosolo
    4. Mary
    5. Marco
      • piero
    6. Andrea Rossi

    Aggiungi un commento