Quando fare sesso dopo il parto

Il sesso dopo il parto richiede dei tempi fisiologici (almeno 40 giorni) ma soprattutto tempi psicologici. Capirete quando fare l’amore se saprete recuperare l’intimità della coppia.

I primi tempi dopo la nascita di un bebè sono un momento meraviglioso e stressante al tempo stesso. Neomamma e neopapà hanno tutto da imparare per quanto riguarda il loro ruolo di genitori e devono trovare un nuovo equilibrio come coppia.

Quando? Intanto fate una visita ginecologica

E’ normale che l’intimità sessuale possa risentirne i primi tempi, questo è dovuto sia a fattori fisici, il corpo della donna ha bisogno di un periodo di recupero, sia psicologici, per lei e per lui stanchezza e responsabilità si fanno sentire.

Sex-after-Childbirth

Dal punto di vista fisico, sia che si tratti di parto naturale, sia cesareo, il corpo della donna necessita di circa 40 giorni, perché tagli e lacerazioni interne guariscano perfettamente, mentre l’aspetto arrossato e tumefatto dei genitali esterni scomparirà in pochi giorni. Una visita ginecologica, per controllare che tutto sia tornato alla normalità, è altamente consigliabile, prima di riprendere l’attività sessuale.

La visita vi servirà anche per informarvi sugli anticoncezionali da usare:  non c’è la certezza di non rimanere nuovamente incinta subito dopo un parto e, a seconda che allattiate o meno, il vostro medico saprà indicarvi la soluzione più adeguata.

E’ vero, il desiderio diminuisce un po’

Durante l’allattamento il corpo produce la prolattina, un ormone che abbassa il desiderio. Oltre ai fattori chimici, anche lo stress psicologico e la stanchezza causata dalle poche ore di sonno, contribuiscono a rendere una bella dormita, molto più allettante di qualche momento di passione.

Questo vale anche per i papà, la cui ansia per il nuovo ruolo è un potente antidoto ai bollenti spiriti.

Quando fare sesso? Calma, non abbiate fretta

couple kissing12L’importante in questi momenti è non avere fretta e non aggiungere altro stress a un momento già di per sé faticoso. Non sentite che state mancando in qualcosa, perché quello che sta succedendo è perfettamente naturale, mantenete il senso dell’umorismo, parlate apertamente col vostro partner e procedete per gradi.

Le prime volte vi sentirete un po’ strani

Può succedere che le prime volte che farete l’amore vi sentirete “strani”. In parte dipenderà dalle modificazioni fisiche che il corpo della donna ha subito, l’utero ad esempio potrebbe essere ingrossato e la penetrazione, soprattutto in certe posizioni, potrebbe causare dolore. Le pareti della vagina potrebbero essere meno toniche. In parte farete forse un po’ fatica a scollegare il sesso dalla procreazione e in quei primi momenti l’idea di una nuova gravidanza non è certo allettante.

Iniziate con le coccole

L’intimità sessuale non dev’essere per forza una prestazione atletica che duri ore – e si può fare anche sesso senza penetrazione – ma può anche essere una coccola rilassante, all’insegna della tenerezza e del prendersi cura l’uno dell’altra. Ritagliate dei momenti da soli, magari chiedendo aiuto a qualcuno che possa occuparsi del bebè, mentre voi potete occuparvi di ritrovare pian piano il vostro ruolo di amanti e innamorati.